NON VISUALIZZO

Ci sono talenti che rimangono spenti,

talenti che diventano iridescenti,

e talenti che smettono di pavesare il loro genio

perchè dare le perle ai porci è consentito solo agli stupidi reali.

Ma incedere ancora in qualcosa che per inciso non ha alcun valore,

così com’è diventata la vita di questo altrove che ci tocca già vivere,

è cosa vergognosamente merdosa.

Mi dileguo, accidenti, come un pezzo di prezzemolo tra i denti,

per finire in quell’abisso dove le grotte sono più interessanti

di queste notizie politiche che sembrano d’altri tempi.

In fondo cosa rimane di quella che era il progresso

se non questo anonimato del virtual sesso?

Quindi “Adieu” miei cari eunuchi,

la vostra imperatrice cinese deve sciogliere i noodles

dentro quest’anima liquida che non smette di blaterare,

e mentre bolle ancora il primordiale ardore

per quei corpi insulsi che si stendono al sole,

poichè regina fui di cotanta marmaglia

regina rimango seduta infissa sul mio trono di ribelle.

( GIF BY VLA DEK’S  GIF)

Pubblicato in DISSOLUZIONI INTERIORI | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

PIOVE E PIOVE

Signori miei, ho avuto clonazioni migliori di questa,

ma forse l’ultima versione di me

aggrada di più coloro che credono

in quella sottospecie umana

che si chiama “gaudente”.

Poiché io vi scrissi quello che era nel mio cuore

ma voi lo portaste con voi nella tomba,

scrivendolo come epitaffio di uomini innamorati,

quali invece non siete.

Ebbene, questa clonazione, finirà col far estinguere

quella specie umana di cui fate parte.

E tanti cari saluti.

 

P.S: il bigliettino non era una poesia d’amore ma era solo la lista della spesa.

 

Pubblicato in THE RESISTANCE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

MILLEPORTE CHE NON PORTANO DA NESSUNA PARTE

Ho saputo che una porta può avere due porte, tre porte, quattro porte.

Ma non sono diversi strati di una porta, di diversi materiali,

ma la stessa porta ripetuta più volte e incollata sempre a se stessa e alla sua stessa forma.

Al di qua della porta c’è un micetto bianco carino,

al di là c’è una tigre pronta a divorarlo.

Eppure sono la stessa cosa e si guardano mentre cambiano pelle,

ma dentro non diventeranno mai uguali.

Sono divisi o sono uniti quegli uomini che guardano se stessi ma non si trovano mai?

Sono dietro una porta o dietro mille porte che non si aprono?

Quando si siedono sulla polttrona dello psicologo, se hanno il coraggio di sedervisi,

rimangono con la pelle fuori dalle loro porte.

Parlano, ascoltano, miagolano o ruggiscono

ma non abbandonano mai quel collante

che li appicica a se stessi

senza speranza di rivolta.

Pubblicato in I SOGNI DI POE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

VIRUS GLOBALE

Velenifere sfere circolano tra le cellule,

hanno la stessa forma,

così come quegli individui che si vestono come gli altri

per confondersi nella folla,

ma la loro azione è del tutto diversa

da quella folla che va solo verso una direzione.

C’è un’ancestrale istinto in coloro che corrono controcorrente,

e questi pochi individui corrono da soli,

stanno vicini magari,

ma non si notano nemmeno,

perchè la folla è così tanta

che quei lori vestiti sgargianti rimangono ingoiati

dal grigiore della massa.

Pubblicato in MOON LIGHT | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

IL SOLE NELLA TESTA

I bambini hanno il sole nella testa

e quando li guardo io sento il calore

di quel sole bellissimo che illumina i loro occhi.

Quando guardo la vita che nasce, che cresce,

che diventa amore, io sento l’amore

per quel futuro che tutti credono orribile.

Eppure io lo vedo così bello dentro quelle pupille,

dentro quel sorriso, in mezzo ai primi denti,

sopra quei soffici capelli, dentro quel profumo di nascita.

I bambini hanno il sole nella testa

e quando ti tengo in braccio, piccolo mio,

è come se il mondo intero fosse dentro di te

e tu sorridessi a tutti quelli che vedono ombre

e non vedono la luce e così io stessa riesco a vedere

là dove prima non guardavo nemmeno.

Pubblicato in RAGGI SOLARI | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

LA DIVORATRICE DI ANIME

Specchio specchio delle mie ombre, chi è la più nascoste delle mie tombe?

Specchio specchio delle mie mani, chi è colei che sarà mia sorella domani?

Quel vestitino sporco con cui giravo da bambina, ruotandolo come fosse una veste bellissima:  innocenza e cuore di gallina amata e mangiata.

Casa della nonna, scale che portano ad un tetto dove c’è un vano nascosto,

dove i colombi tubavano mentre il silenzio diventava porpora.

Assopita dal fuoco noetico, mi dilettavo a contare le piume che cadevano nel cortile.

Poi un piccolo feto di passero trovato già morto e cavallette a centinaia di quell’estate pura.

Ero una bambina maschio, ero una bambina pilota, ero una bambina sconosciuta.

Una mosca dentro l’acquario dei pesci, una mosca che nuotava dentro mille occhi.

Un bambino mi chiese: ” tu che cosa possiedi?”

ed io gli risposi: ” te”.

Il mio unico amico che parlava d’elicotteri e aerei, il mio unico gioco del volo.

Ma da quaggiù non si vede molto e quindi bisogna salire e salire e salire.

 

Pubblicato in STORIE ALIENE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

ANONYMOUSE


Detergi la pelle e lasci che il trucco coli tutto via

ma il personaggio che hai recitato è ancora lì in quel viso.

Più ci si avvicina al viso e più non si vede niente di quello che sei stata.

Il motivo è che la pelle nuova non era visibile e non si supponeva esistesse.

Eri il serpente dentro la pietra.

Ora sei la tigre dentro al fiore di loto.

La candida veste di strisce nere che ti sei disegnata è stata utile.

La mimesi naturale è un metodo di caccia ma anche di difesa.

Come una falena che diventa foglie sono stata assorbita.

Di quella che è stata la mia carne niente è rimasto,

e più bianco è là in cima il cielo e più candida diventa la mia ascensione.

Dodici note composte di cicuta, dodici note composte di zucchero,

formano una musica nuova che non si è mai udita.

Diatomee portano ossigeno e orecchie aperte acuiscono suoni

molto segreti e codificati.

Pubblicato in STORIE ALIENE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

FIGLIAMO

https://www.vanityfair.it/people/italia/15/11/26/carmen-consoli-figlio-sola-fecondazione-assistita-intervista

In questo link c’è un’intervista a Carmen Consoli che dice che per avere un figlio tutta da sola è dovuta andare all’estero dove ha potuto fare la fecondazione assistita e quindi è diventata mamma. L’ha fatto anche la Gianna Nannini tempo fa. Ma se una ragazza non famosa decidesse di farlo non potrebbe farlo. Il motivo ovviamente è di tipo economico. Quindi perchè la legge italiana consente a persona famose di fare figli e poterli avere anche altrove con questa tecnica avendo soldi e non permette a certe ragazze normali e senza un reddito altissimo di poterli fare? Si lamentano della mancanza di nascite ma poi non consentono di avere figli in questo modo. Però i personaggi famosi li possono avere. Questa non è uguaglianza! Tutti hanno il diritto di poterlo fare perchè nella costituzione è scritto che siamo tutti uguali senza differenze di alcun tipo. Quindi poi alla fine è vero che i figli si comprano per chi ha soldi!

Pubblicato in THE RESISTANCE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

YOU WILL SEE, TIME WILL CHANGE

C’era una cosa che chiamavano Futuro. C’era una cosa che chiamavano Guerra. Sembrava lontana a tutti, perchè tutti avevano la loro vita. Ma c’era una cosa chiamata Destino e forse non era una questione karmica e nemmeno filosofica. Ma quel giorno sarebbe arrivato. Quel tempo sarebbe cambiato. Non guardarti indietro. Non devi ricordare nulla. Farai piazza pulita di ogni tua memoria per diventare un perfetto guerriero e sconfiggere il nemico. C’era una cosa che chiamavano Anima. C’era una cosa chiamata Fiamma. Ma dove sono? Cos’è questa storia? Nessuno vedrà nulla, non ci sarà il tempo di guardare.

Pubblicato in THE RESISTANCE | 1 commento

E BUONANOTTE AI SOGNATORI!

Cosa significa essere diversi? Leggere libri che nessuno legge? Guardare film che nessuno vede? Ascoltare musica che nessuno conosce? Cosa significa essere diversi? Sognare un mondo in cui si può essere considerati anche se non si fa parte della massa. La massa. Una diabolica presenza. Una diabolica vittima di tutti quei poteri che cercano di schiavizzare la massa. E quelli che stanno al di fuori sono diversi perchè non fanno quello che fa la massa. Perchè a loro interessa proprio questo, cioè renderci tutti uguali, tutti fruitori delle stesse cose, consumatori degli stessi oggetti. E i diversi che devono fare? Devono stare zitti? Devono scomparire? Devono rassegnarsi? Loro vogliono che noi diventiamo tutti uguali, come delle percore, come degli schiavi che possono controllare meglio. Perchè dobbiamo sempre dargliela vinta? Perchè stanno riusciendo a fare quello che vogliono di noi? Perchè tutti si lasciano incantare? Possibile che siamo diventati così pochi quelli che dicono di NO?

 

 

Pubblicato in THE RESISTANCE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 7 commenti