AMLETA E DARK SEBASTIAN

Devo dire che non avrei mai pensato ad un connubio musicale, addirittura un duetto di questo genere. Infatti la musica elettronica non era proprio il mio intento quando iniziai a pensare di cantare con dei musicisti. Ma siccome ormai di musicisti veri se ne trovano pochissimi ( se c’è qualcuno tra di voi alzi la mano) ecco che ho trovato un amico che mi ha gentilmente permesso di cantare sulle sue basi e questo è il risultato:

Pubblicato in LA MIA MUSICA | Contrassegnato , , , , | 1 commento

LA PSICOLOGIA

th-14

Le persone che non si curano causano sofferenza negli altri. Chi ha dei disturbi psicologici ha il dovere tassativo di curarsi ed evitare di arrecare dolore alle persone con cui vive o che lo circondano, o con cui lavora.

Le persone che hanno disturbi devono curarsi per evitare che altre persone soffrano a causa loro. Chi non crede nella Psicologia vuol dire che ha una mente infantile poichè ci si affida sempre ad un dottore professionista per qualsiasi altro male, allora perchè evitare uno psigologo? Sono paure ingiustificate quelle che sento dire sempre a molte persone.

La paura di parlare con una persona ritenuta sconosciuta. Lo psicologo che è ritenuto uno sconosciuto. Ma perchè quando andate da un gastroenterologo o da un urologo li conoscete di persona? E’ assurdo avere del pregiudizio stupido verso gli psicologi e poi pagare visite salatissime quando si tratta di specialisti medici.

Poi chi crede di guarire da solo è il più infantile di tutti. Per cui se qualcuno ha un disagio, un disturbo o qualsiasi tipo di patologia deve curarsi perchè può danneggiare le persone con cui vive o che gli stanno intorno, o che gli vogliono bene, o con cui lavora.

E’ stupido pensare che senza una cura adeguata uno possa guarire da solo. La cosa più stupida è lamentarsi di non stare bene, di non avere una vita buona e poi non chiedere aiuto a nessuno. E se una persona sta a contatto con altre persone ( anche figli, marito, moglie, fidanzata,..) ha il dovere di farsi curare per evitare danni anche agli altri.

 

Pubblicato in CONSIGLI PER GLI UTENTI | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

THE LANTERN



aedddb3ad36c68879f8f56d5fe0d1528-1

Avevo motivo di credere che avrei visto dentro la luce quel buio perenne che disfa ogni cosa.

Invece accendendo la luce sono rimasta ferma, immobile, a osservare la mia ombra.

Era un Golem quello che avevo creato oppure era solo il gemello di un amore finito?

Una piccola fiamma, rimasta nella lanterna, che arde nella notte insonne.

Una piccola fiamma che non diventa fuoco, che non brucia, che non solleva il velo del Nulla.

Porto in giro il mio fantasma come se fosse un cagnolino.

Lo porto in giro come l’ombra di me stessa.

Ma io sono diversa.

Io sono caduta dentro quel limite dove la luce si è fermata per mostrarmi ciò che sono.

Nessun bisogno, nessun desiderio, e uno spazio Zen dentro di me.

Era questo lo scopo di cotanto cammino?

Pubblicato in I SOGNI DI POE | 1 commento

FISSIONE INTERIORE

a7e6d5884726b8bfcce54d6506f0c91a

Dalle prime crepe non si nota niente perchè il restauro è stato fatto bene.

Poi piano piano vengono giù i vari pezzi di quello strato primordiale che ha reso candido il volto e così umano che nessuno avrebbe mai potuto pensare a cosa ci sta dietro.

Frammento dopo frammento, lo sguardo cade.

La vista tutta diventa più ampia e ciò che si vedeva prima adesso non si vede più.

Qual’era la strada che stavo percorrendo?

Dove stavo correndo?

Ero in basso o in alto?

Tutto diventa così relativo che niente non c’è più alcun punto di riferimento.

Lo sguardo cade e si alza la testa.

Mai sono stata più maldestra nel dire che non me ne volevo andare da me.

E queste mura solide, anche se cadranno a pezzi, diventeranno il mio corpo.

Pubblicato in DISSOLUZIONI INTERIORI | Lascia un commento

IT

 

anabella_12x18_web-1

Scodinzola la sinuosa anima che si nasconde dentro al sorriso.

Scodinzola ora che ha deciso di svelarsi oltre ogni preavviso.

Per grandi e piccini lo spettacolo è iniziato.

Niente palloncini ma solo un perfetto dono a tutti sarà dato.

Oh anima di clown, finalmente matura, ti sei truccata da sola

e da sola sei uscita da quel tombino dove ti eri nascosta.

Ora i denti affilati hanno preso coscienza di quel morso necessario

perchè tu possa sfamarti di questo mondo ritorto in cui sei tornata.

Dispiega le tue labbra a cuore, socchiudi il tuo bacio, rendili tutti tuoi succubi.

Non avranno pace gli spettatori che ascolteranno la tua voce.

Non avranno riposo gli spettatori che vedranno la tua faccia.

E soprattutto tu non avrai più via d’uscita da questa messinscena terrificante

dove ti tocca vivere al di sotto del tuo coloratissimo sembiante.

Misera è la folla che ti osserva e misero è il suo destino.

Tu a più grandi cose sarai trascinata, mentre le bombe esploderanno,

e il tuo segno sarà lasciato su ogni piede che seguirà la tua strada.

Pubblicato in I SOGNI DI POE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

VITA LIBERA?

liberta

Appena tornata dalle vacanze estive. La mattina, dopo una serata di ritardi in aeroporto, e una nottata insonne. Accendo la tv e cosa vedo? I caccia americani verso la Corea del Nord.

Allora mi sono detta: si può avere una vita libera da questi avvenimenti? Ti svegli la mattina e magari scopri che è iniziata una guerra e tu che fai? Rimani a guardare? Cosa fareste voi?

Possibile che la nostra vita sia regolata da quello che fanno gli USA e la Corea? Possibile che la vita libera sia una cosa impossibile? Credo che nemmeno se si vivesse nel Tibet si potrebbe stare liberi, visto che il Tibet è stato attaccato dalla Cina, tempo fa.

Nemmeno se si andasse a vivere sopra una montagna si potrebbe stare sicuri di non essere coinvolti in qualche stupido conflitto tra paesi contrastanti. Possibile che siamo tutti in balia di potenze guerrafondaie?

Tornare dalle vacanze di sole e mare e trovarsi davanti l’amara realtà di un mondo che ogni giorno è seduto su armi nucleari che possono scoppiare in un secondo e farci tutti fuori. Voi come vi sentite?

 

Pubblicato in LA MIA VITA | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

IL PUNTO BIANCO

azul-verdoso

Di punto in bianco ho avuto i numeri.

Chiederete, quali numeri?

I numeri non sono un’accadimento casuale ma arrivano al momento opportuno.

E non c’è nessuna sicurezza che un numero sia un evento ma tutti siamo legati ai numeri.

Nasciamo in un preciso giorno, contiamo gli anni, le ore, i minuti della vita.

Qualcosa dentro quel punto bianco si muove ma all’esterno solo cifre.

Che Dio sia un matematico in pensione?

Chi ci ha dato i numeri per pensare a noi stessi?

Di punto in bianco ho avuto i numeri di qualcosa che deve ancora avvenire.

Come la Pizia mi tocca fare ma nessuno mi crede.

E così conto i giorni anch’io prima che lo faccia il prete.

Questa fine del mondo che sta già qui e nessuno la vede.

Quando si danno i numeri è facile non esser creduto ma più facile che tutto sia vero.

Il bambino che tengo in braccio mi guarda e sorride.

Pubblicato in I SOGNI DI POE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

SIA-CHANDELIER VERSIONE INTIMISTICA

Sto facendo alcuni esperimenti musicali creativi, forse lo avevate capito. Sto cercando di contaminare alcuni genere, cambiare testi, provare alcune canzoni con un nuovo stile.
Questa è una versione intimistica di Sia, la sua canzone più famosa, “chandelier” che tutti spero conoscete, cantata con un testo scritto da me.

Pubblicato in LA MIA MUSICA | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 8 commenti

UN ATTACCO D’ANIMA

8XiorcL8CKjUyuBosC1pS3kgNWM

Mi sono ritrovata più leggermente pesante,

più sconcertata di me che dalle definizioni di anima.

Mi è venuto un attacco d’anima a pensare che si possa averla lì sotto,

lì, sotto i piedi, come le radici di un albero.

Non la corona delle Sephiroth,

ma proprio una specie di base lì sotto le piante dei piedi,

sotto di noi, invisibilmente viva.

Nessuno guarda mai sotto di sè, verso giù,

verso quel suolo da dove siamo usciti,

eppure ci camminiamo ogni giorno.

Ho guardato sotto, non ho visto il cemento,

non ho visto i fili d’erba, ho visto le radici

e ho avuto un attacco d’anima.

Voglio ramificarmi di sotto, espandere le mie radici,

la mia anima rimasta tra le dita dei piedi, si è ribellata,

mi ha detto” Alzati e Cammina! ”

Pubblicato in ENERGY | Contrassegnato , , , , , , , | 3 commenti

LE DONNE CHE CHIEDONO AIUTO

femminicidio

Dio ( o chi per lui) non voglia che vi sia capitato mai nella vita di avere a che fare con una donna che vi chiedeva aiuto. E magari quella stessa donna adesso è morta oppure è ancora in pericolo.

Il femminicidio, questo termine così in uso adesso, è colpa di quegli uomini che non sanno amare e colpa di quelle persone che non sanno aiutare.

Molte donne chiedono aiuto, e ci vuole molto coraggio anche per chiederlo, ma spesso non vengono ascoltare. Forse perchè chi dovrebbe ascoltarle non ha il coraggio di pensare che un aiuto si può dare, anche minimo, per cercare di toglierle dalla situazione in cui stanno.

Quell’aiuto le donne lo chiedono ma quali altri uomini o persone accolgono la richiesta e fanno qualcosa per aiutarle? Troppo facile dire “poverine, che uomini stronzi hanno trovato, o si sono scelte.”

Spesso capita che gli uomini si rivelino degli stronzi solo dopo averci vissuto insieme, o dopo averci fatto dei figli, e dopo c’è una unica via di fuga: chiedere aiuto. Ma quando una donna chiede aiuto poi non lo riceve. Quindi piangete lacrime di coccodrillo per tutte quelle donne che vi hanno chiesto una mano e voi non gliel’avete data.

Persino le forze armate a volte dicono: ” non possiamo farci nulla, si separi, scappi via. “E una donna che deve pensare? Che è sola, sì, che è sempre sola e nessuno l’aiuta. Questo hanno pensato quelle donne che sono morte.

Se pensate che queste donne potevano scegliere diversamente, che potevano lasciare quell’uomo, che potevano salvarsi da sole allora avere contribuito al loro omicidio.

 

Pubblicato in CONSIGLI PER GLI UTENTI | Contrassegnato , , , , , , , , , | 6 commenti