SIA-CHANDELIER VERSIONE INTIMISTICA

Sto facendo alcuni esperimenti musicali creativi, forse lo avevate capito. Sto cercando di contaminare alcuni genere, cambiare testi, provare alcune canzoni con un nuovo stile.
Questa è una versione intimistica di Sia, la sua canzone più famosa, “chandelier” che tutti spero conoscete, cantata con un testo scritto da me.

Pubblicato in LA MIA MUSICA | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

UN ATTACCO D’ANIMA

8XiorcL8CKjUyuBosC1pS3kgNWM

Mi sono ritrovata più leggermente pesante,

più sconcertata di me che dalle definizioni di anima.

Mi è venuto un attacco d’anima a pensare che si possa averla lì sotto,

lì, sotto i piedi, come le radici di un albero.

Non la corona delle Sephiroth,

ma proprio una specie di base lì sotto le piante dei piedi,

sotto di noi, invisibilmente viva.

Nessuno guarda mai sotto di sè, verso giù,

verso quel suolo da dove siamo usciti,

eppure ci camminiamo ogni giorno.

Ho guardato sotto, non ho visto il cemento,

non ho visto i fili d’erba, ho visto le radici

e ho avuto un attacco d’anima.

Voglio ramificarmi di sotto, espandere le mie radici,

la mia anima rimasta tra le dita dei piedi, si è ribellata,

mi ha detto” Alzati e Cammina! ”

Pubblicato in ENERGY | Contrassegnato , , , , , , , | 3 commenti

LE DONNE CHE CHIEDONO AIUTO

femminicidio

Dio ( o chi per lui) non voglia che vi sia capitato mai nella vita di avere a che fare con una donna che vi chiedeva aiuto. E magari quella stessa donna adesso è morta oppure è ancora in pericolo.

Il femminicidio, questo termine così in uso adesso, è colpa di quegli uomini che non sanno amare e colpa di quelle persone che non sanno aiutare.

Molte donne chiedono aiuto, e ci vuole molto coraggio anche per chiederlo, ma spesso non vengono ascoltare. Forse perchè chi dovrebbe ascoltarle non ha il coraggio di pensare che un aiuto si può dare, anche minimo, per cercare di toglierle dalla situazione in cui stanno.

Quell’aiuto le donne lo chiedono ma quali altri uomini o persone accolgono la richiesta e fanno qualcosa per aiutarle? Troppo facile dire “poverine, che uomini stronzi hanno trovato, o si sono scelte.”

Spesso capita che gli uomini si rivelino degli stronzi solo dopo averci vissuto insieme, o dopo averci fatto dei figli, e dopo c’è una unica via di fuga: chiedere aiuto. Ma quando una donna chiede aiuto poi non lo riceve. Quindi piangete lacrime di coccodrillo per tutte quelle donne che vi hanno chiesto una mano e voi non gliel’avete data.

Persino le forze armate a volte dicono: ” non possiamo farci nulla, si separi, scappi via. “E una donna che deve pensare? Che è sola, sì, che è sempre sola e nessuno l’aiuta. Questo hanno pensato quelle donne che sono morte.

Se pensate che queste donne potevano scegliere diversamente, che potevano lasciare quell’uomo, che potevano salvarsi da sole allora avere contribuito al loro omicidio.

 

Pubblicato in CONSIGLI PER GLI UTENTI | Contrassegnato , , , , , , , , , | 6 commenti

LA MIA STORIA MUSICALE

Visto che qualcuno mi ha chiesto come mai dopo tanto tempo che parlo dei miei musicisti ho finito col dover cantare su una base le mie cover, voglio spiegare qui cosa è successo.

All’inizio cercavo musicisti, anni fa intendo, per formare questo gruppo e fare musica hard rock e metal. Poi ne conosco un sacco ma c’è un problema. Ogni musicista suona un genere diverso da quello che vorrei fare io, e cioè sperimentare, contaminare, creare qualcosa di nuovo. Altri sono troppo impegnati. Altri ancora pensano solo ad un possibile guadagno.

Dunque alla fine conosco questo batterista e finalmente si può parlare con una persona openmind come me. Ma in due non è che riusciamo a fare molte cose, visto che lui suona solo la batteria. Così cerco almeno un chitarrista. Mi capitano tutti chitarristi che mi propongono di fare un duetto. Ma io gli rispondo sempre: ” non posso lasciare il mio batterista da solo, non sarebbe giusto. ” E quindi mi perdo tante belle occasioni.

Passano i mesi ma non ne trovo uno che sia capace di pensarla come noi e quindi stacchiamo per un pò. Io inizio a canticchiare qualcosa per i fatti miei. Mi devo sfogare, se non canto mi pesa qui sullo stomaco. Ma non canto cose come le altre cantanti, no, a me viene da fare queste cover strane.

Dunque, dopo vari mesi passati così, senza aver potuto dare un seguito al progetto del gruppo, ecco che il batterista ritrova un suo vecchio amico chitarrista e mi dice vieni che te ne parlo. Quando arrivo da lui le prime cose che mi dice sono:” abbiamo fatto un duetto. Tu magari puoi cantare qualche canzone, se vuoi. ”

Una bella pugnalata in pieno stomaco forse non avrebbe fatto meno male. Così mi ritrovo fuori dal gruppo che io stavo cercando di creare e quindi mi tocca accontentarmi ( almeno per ora, visto che stanno provando tutt’e due a fare il loro primo album insieme) di queste orribili basi.

Se qualcuno di voi è un musicista, se conosce musicisti, della mia zona, allora HELP!!!

E’ davvero disastroso il panorama musicale italiano ed è faticoso trovare persone in gamba che non siano legate alle solite cover o alla solita musica.

Quindi ecco, ora sapete come mai mi tocca cantare senza la musica dal vivo ( cosa che odio ovviamente. Io sono una che ama il suono sporco, i rumori di fondo, il caos degli strumenti attorno a me, le bacchette che danno l’inizio e il ritmo dei tamburi.

Ma ahimè, tutto questo ormai è solo un sogno.

( Nel mio passato suonavo il synth, facevo musica elettronica, dark, industrial,..avevo una Roland Jupiter 6 e suonavo a Londra, con musicisti professionisti)

micrófono-antiguo

 

 

Pubblicato in CONSIGLI PER GLI UTENTI, LA MIA VITA | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

AMY WINEHOUSE VERSIONE DIVERSA

So che a molti mancherà la sua voce stupenda e sicuramente è un suicidio voler affrontare una cover come quella del suo cavallo di battaglia “Back to black” ma oggi c’era tempesta, c’era energia nell’aria, e forse qualcosa è scattato in me così forte da riuscire a ricantare questa canzone in un modo del tutto diverso dall’originale. Sperando che l’audio, come sempre, non vi faccia esplodere i timpani, spero che possiate apprezzare la forza della mia sperimentazione vocale.

Pubblicato in CONSIGLI PER GLI UTENTI, LA MIA MUSICA, LA MIA VITA | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 35 commenti

LA MIA PRIMA CANZONE ONLINE

Alcuni di voi tempo fa mi avevano chiesto che genere di musica cantassi e che tipo di voce avessi. Bene, ieri mentre provavo, a casa, ho fatto la mia prima registrazione col cellulare così da potervi far ascoltare la mia voce che canta un brano dei Muse “Time is running out. Ovviamente la cover che  ho fatto è di genere metal e quindi non rispecchia lo stile originale della canzone ma è molto personalizzata. Inoltre il metodo di registrazione è molto casereccio e quindi l’audio non è ottimo ma spero che sappiate apprezzare lo stesso la mia voce, che risulta appunto piuttosto rude e sporca. E se mi deste anche il vostro parere sarebbe immensa gentilezza da parte vostra, così che io possa imparare e crescere in questa mia passione che spero diventi presto il mio futuro. La mia voce è in fase di sperimentazione e quindi mi fa piacere avere critiche e giudizi spassionati.

 

Pubblicato in CONSIGLI PER GLI UTENTI, LA MIA MUSICA, LA MIA VITA | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 7 commenti

NO DESIRE

am_i_going_insane__by_jadegreenbrooke-d52e8fb

La scomparsa del desiderio appaga il desiderio di non avere desideri?

Spremendo le meningi si raccoglie un succo migliore di quello spremuto dai testicoli?

Ciò che viene creato dal cervello è simile a ciò che viene creato dalla riproduzione sessuale?

Quante vite hanno avuto vita partendo dai neuroni e quante vite hanno avuto vita partendo dagli spermatozoi?

Il paragone non sussiste, è vero, la vita reale è solo quella di carne, di sesso, di dolore.

La vita mentale è frutto di una insana illusione che ci fa credere che la vita sia reale.

Una goccia di sangue dove viene racchiuso il nostro mondo.

Stringiamo il nostro sangue attorno al nostro cuore,

pulsiamo forte, restiamo in ascolto, e tocchiamo con mano il nostro motore vitale.

Poi quando rimane fermo ci chiediamo: ” come mai si è fermato?”

E restiamo ancora in ascolto, come se da un momento all’altro dovesse iniziare di nuovo quel tic tac che dà motivo alla vita di essere qui e ora.

Eppure è tutto passato già, vissuto, decrepito e scomparso.

Cosa? Il desiderio.

 

Pubblicato in ENERGY | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

BAT MIND

Apailana-large

Dopo un dramma, l’ascesa.

Ci si rialza e si va di fronte ai nemici senza esitazione.

Più che combattere ci si mette a ridere di certe “ostacol-azioni”.

Si viveva nel pensiero di poter distruggere il Male e si scopre che il Male era lì dietro le spalle.

Perchè ci sono sempre nemici da sconfiggere?

Perchè il primo nemico siamo noi?

Chi ci ha fatti diventare così impegnati nella lotta contro ciò che riteniamo il Male?

Il peggior cammino è quello dove le buche sono evitate o riempito con qualcosa per evitare d’affossarsi.

Quando si rimane senza una mano, come il noto Bruce Wayne, e non c’è nemmeno il maggiordomo che ti stira la divisa da supereroe, che ti rimane da fare?

Scacci le mosche e arrivano i mosconi, scacci i mosconi e arrivano le vespe, scacci le vespe e arrivano i calabroni.

Il buon Batman aveva la sua guida personale, il suo fidato consigliere, e mai avrebbe intrapreso una battaglia senza prima consultarsi con lui.

Ma noi con chi dobbiamo consultarci?

Dopo la caduta, l’ascesa.

Ci arrampichiamo, roccia dopo roccia, sul ghiaccio viscido, senza corde, senza nessun Virgilio che ci indichi il sentiero.

La cima è coperta dalle nuvole, non si vede niente, ma esisterà davvero quell’alto luogo dove il nostro spirito troverà il disumano riposo?

Non ci toccherà anche lì, una volta arrivati in cima, combattere contro qualche aquila gelosa del suo nido faticosamente costruito?

 

 

Pubblicato in ENERGY | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

ORLANDO

6911504-bird-tale

Io sono diversa, io amo le persone, non importa che sesso hanno, non importa come vestono o come si fanno chiamare.

Io sono diversa, non amo solo cani e gatti, amo persino i maiali, le vacche, le pecore, le piante, i pesci, le galline.

Io sono diversa e devo vivere nei luoghi dove non mi si pesta, dove non mi si ammazza, dove non mi si reputi diversa e mi si faccia esplodere.

Io sono diversa e quando un giorno il mondo mi darà la libertà e il diritto a questo amore puro allora potrò dire di essere uguale agli altri.

Pubblicato in ENERGY | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

JOIN VIRTUS

Immagine

Rallenta il tuo sangue per diventare normale.

Rallenta il tuo sangue per diventare una supposizione.

Ho fatto stragi di argentei sogni per vederti in prospettiva diversa.

Ma la virtù non sta nella fissazione della bontà indigesta.

Ogni cosa che brilla da lontano da vicino non brilla più.

Dietro la porta ci sono schricchiolii di spiriti rotti sotto la doccia.

Voragini di madri e padri senza storie d’amore.

Dietro la porta guarda cosa hai lasciato nella polvere del tuo passato.

Soffia, soffia forte ancora, per distrarre la tua mente dal soffio vitale.

Soffia dentro quel magistrale cannone che si chiama Amore,

così da poter pesare di meno a chi ti porta sulle spalle dentro lo zaino della morte.

Ho fatto un cammino a ritroso, ho preso corde, piccone e ho lasciato tutto a terra prima di salire.

Ma cosa si prova a voler sfidare il battito di un cuore?

L’innocenza si fa segreta per non disfarsi.

L’ingenuità si fa violenta per non farsi demolire.

Cosa si prova a dover credere al diavolo perchè Dio non si fa vedere?

La tua proporzione diseguale dipende dalla metà del tuo essere ancestrale.

Non c’è divisione reale per chi è vero e chi è falso.

Costruiscimi ancora, mio Creatore, come una macchina efficiente stavolta,

perchè qualche ritocco era necessario prima di farmi nascere donna dal ventre di un uomo.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in I SOGNI DI POE | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento