LA REGINA DELLA NOTTE

Lengths_to_Submission_Wallpaper_b2fhf

La regina della notte risvegliata dalla notte.

La regina della notte risvegliata dal suo sonno.

Il sogno di perdere gli occhi sulla sua bocca bianca.

Il pericolo di perdersi dentro una notte senza sogni.

La regina della notte risvegliata dalla notte.

La regina della notte risvegliata da un sogno.

Quale suddito può resistere ancora al suo desiderio malsano?

Quale pensiero può mostrarsi nella notte più bianca di tutte?

Quella notte bianca in cui un bianco mantello svolazza dentro il buio?

Cos’è quella forma che si apre ai suoi occhi?

Cosa rimane ancora celato nella stanza dei boschi?

La regina della notte risvegliata dalla sua morte.

La regina della notte risvegliata dalla sua sorte.

Quella forma chiara che la riporta dentro al suo bosco.

Quell’animale strano che le vieta il suo ingresso.

Orso o volpe, cervo o cinghiale?

Quale essere rimane seduto su quel desiderio d’amare non esaudito?

Privata del sonno, perchè risvegliata?

Quale suddito può esitare ancora e negargli la sua invisibile mano?

Copre la regina il suo corpo.

Copre la regina il suo cuscino, coi capelli scomposti,

il sudore e la passione che si riversa dentro ai sogni.

Nel bosco un suono, un suono lontano,

ha ridestato quel moto,

quel battito remoto che fu devastato.

Quale animale sta nascosto dietro il cespuglio?

La regina della notte si guarda allo specchio:

il suo vestito è bianco!

Grida! La sorpresa è così tanta,

e quel bianco vestito da dove è spuntato?

La regina della notte grida e non capisce

cosa è stato che ha cambiato la sua pelle

e l’ha resa così fatata!

Annunci

Informazioni su amleta

Sono una artista poliedrica e cosmopolita, una persona fantasiosa e creativa. Ho un'esistenza in perenne evoluzione e nella mia vita ho fatto molti cambiamenti e progressi. Ognuno è benvenuto sul mio cammino e se i nostri passi coincidono lasceremo tracce chiare affinchè altri ci seguano. Che il vento apra le vostre ali e vi porti oltre ogni orizzonte umano per scoprire il nostro nido selvatico, in fondo al mare, sul ramo più alto, sullo scoglio più aguzzo o oltre l'orizzonte umano. Espandete il vostro cuore e lasciatevi abbracciare dal mio respiro di drago che porta il calore dell’amore universale.
Questa voce è stata pubblicata in DISSOLUZIONI INTERIORI e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...