IL SILENZIO VERDE

vidrio roto, codigo binario 189341

 

Gli scudi che usavamo

per difenderci dall’acquerugiola

si sono arrugginiti.

Sportelli strappati dalle macchine

diventano tutti degli oblò quadrangolari

per aprire i nostri soffitti.

L’uso di idee irreali fortifica

l’acquiescenza immorale

e sorgenti più lontane

ci accingiamo a ricercare

per un’aria più pura e più fresca.

Dal nostro petto verde escono canti

di animali in estinzione,

ancora gridi di rivoluzione,

non già spenti dalla grandine

che ci ha resi statue di sale.

Lontani dalle moltitudini

si aprono sentieri inconsueti

dove le azioni diventano officinali.

La mia folle speranza abita ormai

lì nel verde silenzio

dove pascolano solo minuscoli passeri.

 

 

Annunci

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto creativa e sono impegnata in vari interessi e progetti. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in NEMESI e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a IL SILENZIO VERDE

  1. Rebecca Antolini ha detto:

    Ciao Laura a mo leggerti … ma ti vedo sempre cosi sofferente… pocca speranza per un pò d’amore nelle parole

    • amleta ha detto:

      Nelle mie poesie io non parlo di me, parlo di sentimenti presenti nell’uomo in generale. Le mie poesie non sono autobiografiche. Io cerco di universalizzare i miei sentimenti e di non riferirmi mai a me. Quindi quello che leggi non è il mio stato d’animo ma la condizione umana di oggi.

      • Rebecca Antolini ha detto:

        le tue parole sono l’arte e la rabbia di questo tempo… oggi soffro già di leggera depressione e queste parole non aiutano per niente…

        dovresti scrivere una volta qualcosa di quello senti e provi… per conoscerti meglio

      • amleta ha detto:

        Le cose autobiografiche le ho scritte nella sezione ” Distorti ricordi”. Quelli sono dei pezzi della mia vita reale, dei ricordi veri di vita vissuta, anche se scritti in modo sempre particolare. Non so se li hai letti.
        La conoscenza vera non può avvenire qui tra queste pagine, è limitante cercare di esprimere se stessi con le parole. E’ per questo che io preferisco sempre il contatto reale e non quello virtuale.
        Prima che finisca l’estate io spero di venire a trovarti al mare così mi conoscerai di persona 🙂

      • Rebecca Antolini ha detto:

        noi andiamo al mare in settembre dopo il 15… quando torna li il silenzio…
        in agosto andiamo in montagna per evadere un pò dalla vita 😀 …

        faccio sicuramente una occhiata sui tuoi scritti tvb ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.