IL MONDO DEI CONIGLI

ragazzo_impaurito

C’era una volta un coniglio che viveva in un mondo di cacciatori. Ogni giorno fuggiva e scappava cercando di nascondersi in mezzo ai cespugli, dentro gli alberi.

C’era una volta un coniglio, che non era bianco, non era quello di Alice, non aveva l’orologio e non pensava mai al tempo ma pensava a correre lontano dalla sua vita. E correva, fuggiva, scappava.

C’era una volta un coniglio che si sentiva sempre inseguito da qualcuno ma non guardava mai dietro di sè per vedere se ci fosse davvero. Correva, fuggiva, scappava e cercava di andar via da quel mondo di cacciatori.

C’era una volta un coniglio che non faceva che scappare e temeva di poter perdere la vita se rimaneva in quel mondo di cacciatori. Ma i cacciatori non c’erano, non c’era nessuno dietro di lui eppure lui continuava a scappare terrorizzato.

C’era una volta un coniglio e c’erano anche altri conigli come lui che scappavano, fuggivano, non facevano che correre via da ciò che li inseguiva e non aveva volto.

Annunci

Informazioni su amleta

Sono una artista poliedrica e cosmopolita, una persona fantasiosa e creativa. Ho un'esistenza in perenne evoluzione e nella mia vita ho fatto molti cambiamenti e progressi. Ognuno è benvenuto sul mio cammino e se i nostri passi coincidono lasceremo tracce chiare affinchè altri ci seguano. Che il vento apra le vostre ali e vi porti oltre ogni orizzonte umano per scoprire il nostro nido selvatico, in fondo al mare, sul ramo più alto, sullo scoglio più aguzzo o oltre l'orizzonte umano. Espandete il vostro cuore e lasciatevi abbracciare dal mio respiro di drago che porta il calore dell’amore universale.
Questa voce è stata pubblicata in STORIE ALIENE e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a IL MONDO DEI CONIGLI

  1. The Butcher ha detto:

    Questo breve frammento è stato molto interessante. Un coniglio che si crede solo al mondo che scappa da dei cacciatori che non esistono. Scappa da qualcosa che non esiste ma non si gira mai indietro per accertarsi della sua esistenza.
    Mi ha colpito molto!

    • amleta ha detto:

      Ne sono contenta. In effetti certe volte siamo noi a creare le nostre paure e ci attacchiamo ad esse per non muoverci, perchè ci manca la forza di guardare indietro e vedere che non c’è nessun pericolo in realtà. 🙂

  2. molto spesso scappiamo da cose che non esistono,vaghiamo nei meandri delle nostre paure e ansie senza una meta,ci fermiamo da chi ci da mangiare pensanso che fosse buono e che ci vuole aiutare e invece è il cacciatore travestito da innocente bambina che ama i coniglietti…fino a quando non ci accorgiamo che la cosa da cui scappiamo era in realtà l’unica cosa che ci voleva bene e che ci protegge,ma ormai è tardi,il dispiacere ha prerso il sopravvento e lui non c’è più…il povero coniglio è costretto a scappare e scappare…

    • amleta ha detto:

      sì, amore mio, hai ragione, spesso siamo noi stessi a creare i nostri dolori e le nostre gioie. Forse lo facciamo per tenerci occupati, per non sentirci soli, per illuderci di avere una vita diversa,….per tanti motivi.
      E’ la prima volta che leggo una versione positiva di un personaggio cacciatore 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...