SOGNITURO

rsz_vecchina2

C’era un lago di pollini rossi, c’era un ago che pungeva la mano,

non c’era uno strano orizzonte ma c’era uno strano lago.

C’era un viscido alieno, ed era persino contento di essere alieno.

C’era una rosa rossa ghiacciata, c’era una rosa schiacciata sotto pollini rossi.

Dentro al buco nero tutti i bimbi vogliono guardare perchè il buio affascina perchè è pulito.

Problemi avuti quando indossavo quei vestiti neri per diventare buio.

Certe volte non capisco il buco dal quale inizia a sgorgare il sangue che poi diventa vita.

Certe volte non sai cosa significa tutta quella sofferenza senza sangue evidente.

Ma più forte è il dolore e più forte è l’ispirazione: è la condanna dei poeti.

 

Annunci

Informazioni su amleta

Sono una artista poliedrica e cosmopolita, una persona fantasiosa e creativa. Ho un'esistenza in perenne evoluzione e nella mia vita ho fatto molti cambiamenti e progressi. Ognuno è benvenuto sul mio cammino e se i nostri passi coincidono lasceremo tracce chiare affinchè altri ci seguano. Che il vento apra le vostre ali e vi porti oltre ogni orizzonte umano per scoprire il nostro nido selvatico, in fondo al mare, sul ramo più alto, sullo scoglio più aguzzo o oltre l'orizzonte umano. Espandete il vostro cuore e lasciatevi abbracciare dal mio respiro di drago che porta il calore dell’amore universale.
Questa voce è stata pubblicata in I SOGNI DI POE e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...