IDROCUORE

 

Se annaffi una pianta e muore lo stesso di chi è la colpa?

Della poca luce della stanza?

Dell’aria troppo fredda?

Di te che non ti sei accorto che stava morendo?

Se annaffi una pianta non è detto che gli basti solo l’acqua.

Magari ti sei scordato di metterci il concime ogni tanto.

Magari aveva bisogno anche di alyre sostanze.

E ora la guardi così morente e non sai che fare.

Non esistono gli ospedali per le piante. Non esistono i cimiteri per le piante.

Tu la butterai nell’umido? O in giardino?

Eri così convinto che arrivasse persino a fiorire ed invece eccola lì, appassita.

Avevi idea che avere una pianta nella tua vita significasse questo?

(Copyright di Amleta Bloom)

 

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in STORIE ALIENE e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a IDROCUORE

  1. Transit ha detto:

    Quando muore una pianta(o chi la vita perde) nel frattempo muore un pezzo di cuore.
    E la pianta chiede al cuore: -Perché ti lasci andare? Tu come me hai radici, direzioni, linfa.-
    E il cuore chiede a chi lo ospita: – Perché non ascolti le mie parole? Forse ti disturbo? O sono troppo tenero, ansioso e amoroso, perché preso dagli scrosci dell’acqua e del vento? Mi ascolti? –

  2. Mauro ha detto:

    effettivamente la mia, vinta a una lotteria di quartiere, è morta e proprio oggi vado a buttara nella compostiera… 😦

  3. Sara Provasi ha detto:

    Bellissimo pensiero, me ne è morta una così, grassa, credo di cocciniglia x_x in poco tempo… eppure la trattavo come le altre simili! Peccato 😞

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.