I PEDOFILI ENTRANO DAI SOCIAL

5ad159c81a405591543ce19b824f8c3e.jpg

Tutti qui sicuramente pensano chei pedofili stiano a guardare siti stranieri e dedicati a bambini di ogni età per i loro luridi desideri.

Ma questo è il primo errore che fanno i genitori. Mi spiace dirvelo ma in questo momento stanno guardando le foto di vostro figlio/a su Instagram, su facebook, e su tutti i social dove postate orgogliosi le foto dei vostri pargoli pensando che le vedano solo amici e parenti.

Ma purtroppo non è così. I pedofili attingono ai social dove vengono mostrate foto vere, dove leggono in che scuola vanno i vostri figli, dove riescono a sapere che sport fanno al pomeriggio, dove vivete, quando non siete a casa e tutto quello che non dovrebbero mai venire a sapere.

E invece siete voi stessi che gli fornite tutti questi dati a cui hanno libero accesso. Non importa se chiudete un profilo e lo mettete privato. Non importa se parlate solo con amici. Loro sono esperti e sanno come arrivare ai vostri figli.

Per piacere non mettete dati nei vostri social. Se avete bambini piccoli controllateli sempre e non lasciateli mai von un adulto da soli, che sia il nonno, lo zio o l’amico di famiglia.

Gli abusi peggiori vengono fatti da persone inimmsginabili e di cui vi fidate. State attenti a come si comportano i vostri figli, se vanno all’improvviso male a scuola, se non vogliono mangiare, se fanno disegni strani.

Siate sempre vigili perchè il lupo cattivo li sta osservando.

Togliete tutte le loro foto dai social e non mettetene più. Non dite in che scuola vanno. Non dite mai se siete a casa o no. Non dite che corsi fanno. Coprite le cam del pc che loro tengono in camera con un pezzo di nastro isolante. Loro riprendono i vostri figli mentre si spogliano. Entrano nei pc e registrano tutto.

Fate attenzione. Loro sono lì con voi dietro quello schermo. E voi non lo sapete.

Se conoscete genitori ditelo a tutti. Salvate i bambini che potrebbero scomparire nel nulla. Sappiate queste cose e fatele sapere agli altri.

( Copyright dell’articolo di Amleta Bloom)

 

 

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in THE RESISTANCE e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a I PEDOFILI ENTRANO DAI SOCIAL

  1. Harley ha detto:

    Un appello a tutti i genitori, mi associo completamente con quanto hai scritto!

  2. Paola ha detto:

    Mai i bambini sui social! A parte che io ho due figli adulti, ma se dovessi pubblicare foto loro senza contesto, giusto per pubblicarle, mi toglierebbero il saluto

  3. vincenza63 ha detto:

    Sono schifata ma…hai ragione.
    È tutto un teatrino.

  4. rosannafiori ha detto:

    Ok, sono d’accordo ma odio l’allarmismo. Preferirei che questo tremendo problema sociale sia in qualche modo superato con la VERA EDUCAZIONE sull’uso dei social. Se il lupo cattivo si conosce si può combattere.

  5. almerighi ha detto:

    boja che schifo sta gentaglia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.