L’ARTE DI NON OTTENERE LE COSE

insoddisfazione-gabbia-lavoro

Avete presente quelle bambine che vi hanno mostrato la loro bambola nuova oppure i bambini che vi hanno mostrato la loro macchinina nuova?

Avete presente quelli che ottengono tutto e lo riescono ad avere sempre? Avevano genitori ricchi? Non sempre.

In verità conosco molte persone di famiglie coi soldi che non hanno mai avuto nulla di quello che desideravano.

Allora come mai alcune persone ottengono le cose che vogliono e altre no? Sono più furbe? Sono più speciali?

E voi state lì a fare i conti ogni mese, ogni settimana e ogni santo giorno. E loro? Hanno qualcosa che gli fa avere proprio ciò che vogliono?

Siete sfigati? Siete stati educati ad accontentarvi? Non sapete chiedere? Cosa rende queste persone capaci di ottenere tutto? Ditemi un pò.

 

Annunci

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto creativa e sono impegnata in vari interessi e progetti. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in CONSIGLI PER GLI UTENTI e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a L’ARTE DI NON OTTENERE LE COSE

  1. Giovanni Augello ha detto:

    Fabrizio de Andrè diceva in una sua nota canzone “quello che non ho è quello che non mi manca”. Diceva il vero oppure era solo una finzione? Il dubbio è destinato a rimanere tale, comunque resta il fatto che una “filosofia” di tal genere, in ogni caso, può aprirci la strada verso una vita un po’ meno stressata 🙂

    • amleta ha detto:

      Infatti spesso le persone che hanno molte cose sono le più i felici e credono di riempire il vuoto con le cose. Ma gli oggetti e chi li possiede, come i nuovi collezionisti ossessivi che riempiono casa di mille statuite e gadget, non riescono a riempirsi a vicenda e il vuoto rimane vuoto anche quando la casa o la stanza è straripante di un mondo acquistato a caro prezzo. 😐

  2. Rain ha detto:

    Spesso è solo questione di priorità…

  3. Harley ha detto:

    … Ma chi troppo vuole…

  4. rosannafiori ha detto:

    Non credo che al mondo esista una sola persona che possa ottenere tutto anche perché il concetto del tutto non esiste, ci mancherebbe sempre qualcosa, sia che tu ti riferisca al materiale sia all’immateriale. Il problema semmai è nella natura umana che non si accontenta. In questa cosa però io non ci vedo niente di male in quanto credo che la propensione del desiderio sia positiva per l’evoluzione, per la ricerca, per la scienza, per la medicina, per la letteratura, per l’arte e per ogni forma di sperimentazione, io francamente credo ancora in quell’uomo che vuole qualcosa non solo per se stesso.

  5. Lady Justice ha detto:

    E’ facile ottenere gli oggetti, è meno facile ottenere il controllo sulla realtà.

    Ottenere oggetti è comunque un modo di aver controllo sulla realtà, ma è relativamente facile al giorno d’oggi, siamo nel mondo del consumismo. E’ più dispendioso ottenere beni di prima necessità. Esempio: pure se sei povero, puoi comprarti un action figure al mese e avere una valida collezione in poco tempo, però poi per mangiare vai a pranzo gratis dalla nonna.

    Comunque se privi all’uomo la possibilità di desiderare, che siano oggetti o beni non materiali, è morto, perciò anche chi ha tutto penserà sempre che gli manca qualcosa.

    E’ il desiderio che mette in movimento le azioni e che in qualche modo stabilisce la profondità di un essere umano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.