I VENDITORI DI PAROLE

youtuber.jpg

All’inizio seguivo su youtube uno di questi filosofi che discuteva di vari temi e pensavo fosse intenzionato a discutere di cose interessanti senza altro scopo. Invece poi ecco uscire l’ennesimo libro.

Poi ho notato che in moltissimi canali è scritto come fare donazioni, come aiutare comprando certi gadget e via così. Ormai ogni youtuber non ha altro scopo che attirare clienti e non follower.

Ciò che prima poteva risultare piacevole adesso sta diventando pesante perchè c’è, in ogni tipo di canale, una vera e propria ossessione per i like e gli iscritti e lo sfornamento di canzoncine idiote o libri.

Anche quelli che parlano di temi importanti sugli animali, la salute psicologica, i cibi esotici, lo yoga…tutti propinano di comprare qualcosa o donare.

Poi un’altra cosa che ho notato è una fortissima misoginia da parte degli utenti che commentano. Modi aggressivi e violenti verso qualunque donna commenti qualcosa.

Questo mi fa pensare che ciò che nella realtà avviene forse con modi più smorzati, su internet sfocia in attacchi pericolosi.

Poi gli youtuber che gestiscono i canali non cercano di moderare questi attacchi ma rimangono spesso assenti del tutto e quindi le guerre nei commenti proliferano.

L’odio verso le donne sembra un comune denominatore nella maggior parte dei canali. E  mente nei canali femminili un uomo che commenta non viene attaccato quasi mai. Nei canali maschili le donne son trattate malissimo.

Dunque poi non mi faccio meraviglia che nella realtà succedano certe cose così spiacevoli visto che in molti canali i ragazzi sono abituati ad un certo tipo di atteggiamento verso le fonne.

Mi chiedo se le madri sapessero cosa dicono alle donne i loro figli cosa penserebbero? Non sono solo bulli ma proprio violenti all’inverosimile.

Fortunatamente youtube ha messo la funzione per segnalare questi individui che minacciano vengono ripresi. Ma ne spuntano subito altri e gli stessi youtubers hanno spesso degli haters che dicono loro anche cose pessime.

Questo è lo specchio della realtà. A quanto pare sì viste le cose che succedono in giro.

Ma chi è il misogino? Un uomo che odia le donne perchè la sua ex lo ha ridotto dul lastrico? Un gay represso che invidia le donne e vorrebbe essere al loro posto? Un innamorato deluso?

No, niente di tutto questo. Sono spesso ragazzi insospettabili che sfogano le loro patologie e il loro malessere esistenziale prendendo virtualmente a calci le donne che osano scrivere un commento.

Quello che a volte non sono capaci di fare realmente fuori da internet lo fanno su youtube. Poi magari ci prendono la mano e lo realizzano dal vivo con le compagne di scuola o le madri stesse.

Ma perchè sta venendo avanti questa generazione di giovani misogini? Molti di questi ragazzi sono dei solitari chiusi nelle loro stanze mattina e notte a cercare chissà cosa.

Molti non hanno mai avuto una storia e si segano con youporn. È questa la futura generazione? È questo lo scontro che doveva appartenere al passato ed invece è sempre più attuale?

Io rimango allibita da certi commenti che leggo ogni tanto in qualche canale e ho paura che quei ragazzi che scrivono quelle orribili cose diventino adulti violenti. E chi li fermerà?

( Copyright dell’articolo di Amleta Bloom)

 

 

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in THE RESISTANCE e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a I VENDITORI DI PAROLE

  1. Il tuo post è molto complesso. Ci starebbe il discorso dell’educazione che serve a controllare l’aggressività naturale, ci sarebbe il danno che le mamme fanno ai figli maschi, ci sarebbe che solo gli uomini stupidi sono misogini. Tutto quanto detto è frutto della mia diretta esperienza.

  2. redattorecapo ha detto:

    Il tifo negli stadi viene considerato una valvola di sfogo, può darsi che i social svolgano (più o meno consapevolmente) la stessa funzione…

  3. Meteora ha detto:

    Misoginia? Se hai modo prova aseguire le vicende del decreto Pillon…avrai davanti a te un bell’ esempio di perfidia verso le donne.Buona giornata

  4. Ehipenny ha detto:

    Tanti spunti di riflessione in questo post… innanzitutto quello che un tempo era un passatempo, Youtube, oggi per molti viene trasformato in un “lavoro” cioè fonte di guadagno, si perde il lato disinteressato e ci si fissa sui like e sulle visualizzazioni che determinano il compenso economico… per quanto riguarda i commenti contro le donne, credo non siano solo su Youtube purtroppo, e non credo nemmeno siano solo contro le donne… non c’è mediazione, è una piattaforma pressoché libera come un social qualunque, ed i commenti dei leoni da tastiera purtroppo sono tanti…

  5. etiliyle ha detto:

    Brutta piaga la misoginia

  6. etiliyle ha detto:

    ✨💕✨💕✨💕✨

  7. Harley ha detto:

    Interessante articolo a cui vanno i miei complimenti per la stesura e per il contenuto davvero importante e d’attualità. YouTube purtroppo o per fortuna, da passatempo ludico virtuale si è trasformato in un fenomeno di massa commerciale. I commenti contro le donne, la misoginia e affini sulle piattaforme virtuali, non trovano giustizia purtroppo perchè non essendoci mediazioni, non essendoci un controllo vero e proprio tutto poi termina dietro alle tastiere dei cosiddetti “leoni” del web.

  8. almerighi ha detto:

    L’inutile monetizzato

  9. Domenico ha detto:

    L’estremismo non ha mai portato nulla di buono. Più le società sono estremamente “buone” e più spunteranno come funghi problemi di qualsiasi forma.

    • amleta ha detto:

      Una società “estremamente buona”? Spiegami meglio, m’interessa il tuo punto di vista. Sai perchè? Perchè tutti vedono questa società piena di cattiveria e crudeltà e quindi mi sembra molto strano che tu la consideri invece addirittura buona. Vorrei saperne di più sulla tua visione, sempre se puoi dirlo ovviamente 😉

  10. Domenico ha detto:

    Ah grazie!! 🤗 certo che posso! Semplicemente perchè ritengo che tutto quella cattiveria e crudeltà non è nient’altro uno sfogo contro questa realtà che viviamo. Più ci saranno generazioni che cresceranno nella comodità totale, nel benessere totale, nell’eccesso di cose belle e buone, più saranno da “adulti” degli esseri viventi anti-umanità. Saranno persone che non avranno il senso della vita. Già tutt’ora tra i più giovani soprattutto (sto parlando in generale, le eccezioni ci sono.) non danno minimamente importanza al dono della vita, al tal punto da giocare tranquillamente con la “morte”. C’è una totale incoscienza su ciò che si fa, partendo dalle cose più ingenue fino alle cose più serie. Non si ha più quella percezione della realtà, perché tutto, ma proprio tutto, è “comprabile” e “vendibile” senza limitazioni. La vita quotidiana di queste generazioni è fatta di auto-protagonismo totale perché è “moda”, perché devono mostrare ciò che i genitori hanno mostrato a loro: che è tutto bello e perfetto, che sono pieni di amici e che sono super apprezzati. Sono persone sole? Si, ma si sentono bene da sole, con rapporti opportunisti tale e quali come avviene sui social e niente più. Più si andrà avanti con questo “nascondere la polvere sotto il tappeto” mostrando tutto bello e più ci serviranno cose estreme per far assaggiare un po’ di vitalità alle generazioni. La violenza che descrivi te su internet è esattamente quello che avviene nella realtà, e ovviamente risulta “triste” per chi sta a ragionare qui, come te e io che ti sto rispondendo. Ma questa generazione che fa queste cose, sono quella generazione che ti ho appena finito di dire, dove non hanno una propria identità (sia gli uomini che le donne) e il loro mondo è fatto di una noia costante e totale, un mondo depressivo e morto. Non è un giustificare tutto questo eh!! Sono le basi che andrebbero cambiate, ma non è facile. Forse, ci aiuterà la tecnologia piano piano. Ma sinceramente la vedo nera!!😁

    • amleta ha detto:

      Le basi, hai detto benissimo. Il guaio è che le basi per questi ragazzi son dei genitori che appunto ormai son persone senza vita e senza identità. Oggi ho assistito ad un caso in tribunale di due genitori dipendenti da internet e che per due anni non sono usciti di casa. E il loro figlio aveva lasciato la scuola a 16 anni per dedicarsi solo a giocare sul web. E la figlia piccola andava a scuola da sola ed appariva trascurata e affamata. Fortunatamente è stata segnalata ai servizi sociali e la zia ha chiesto la custodia della nipote, forse l’unica che ormai potesse salvarsi da quella situazione ai limiti dell’umanità. I genitori son stati obbligati a dover seguire una terapia di disintossicazione dal web insieme al loro figlio.
      Di genitori ridotti così sapessi quanti ce ne stanno! Eppure son persone cresciute con genitori che seguivano dei valori e uno stile di vita sano. È questo che non mi spiego. I nonni infatti sono persone cresciute facendo la guerra o coltivando la terra. Avevano valori sani. Dunque una parte di responsabilità la do ai mass media che hanno deviato molti bambini col miraggio appunto di “avere tante cose” dopo averle viste in tv.
      Infatti nella generazione dei nonni non esisteva questa “fame di cose” ma solo fame di cibo. Forse questi bambini hanno avuto troppe cose è vero, perchè i genitori volevano che non gli mancasse nulla. Forse alcuni hanno strafatto. Inoltre coi divorzi molti genitori usano compensare la loro assenza con montagne di giochi. E questo è un guaio. Comunque è bello vedere che persone come te si rendono conto di certe cose e sanno discuterne in modo civile. Grazie mille per la tua spiegazione 😊

      • Domenico ha detto:

        Di nulla! Mi fa davvero piacere dialogare e confrontarmi in questo modo!! 😊 Comunque l’estremismo non ha mai portato nulla di buono. in niente! 😁

Rispondi a Non Solo Campagna - Il blog di Elena Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.