ANDIRIVIENDI

peccato

Debolezza mistica di ossidiana dentro le guglie venose che rendono il cuore un covo di atolli.

Fari spenti sulle spille disperse.

Le spille del vestito di carta che hai legato al cofano della macchina.

Si sporcano amori e imperatori.

Si distruggono favole cannibali.

Aghi di pino conficcati in gola e odore di cipressi senza fiori.

Ricordi i fiori morti dentro le tombe?

Ricordi che i veri defunti ce li abbiamo per strada vestiti alla moda?

Sospetto un tuo vagare notturno nei sogni altri e per questo ho aperto la porta.

Sono sicuro che il piacere striscia ancora sul tappeto dei tuoi incubi.

Stai sereno, ho abbandonato gli allori della cremazione esistenziale.

Il messaggio di CICADA era antico ma i volontari per l’esperimento arrivano subito.

Ricordi gli aghi di pino confiscati al cimitero?

Erano tutti per la mia corona!

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

Annunci

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto creativa e sono impegnata in vari interessi e progetti. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in ENERGY e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

29 risposte a ANDIRIVIENDI

  1. elettra ha detto:

    Superlativa.

  2. mariluf ha detto:

    Mi piace mi piace mi piace!

  3. ilnoire ha detto:

    Mi piace, anche la scelta musicale

    • amleta ha detto:

      Grazie, sei molto attento 😉

      • ilnoire ha detto:

        …e me le ascolto tutte, oltre che leggerle, le tue cose, perché incontrano il mio gusto.

      • amleta ha detto:

        Bebe, mi fa piacere 😊😉

      • amleta ha detto:

        Allora avrai anche ascoltato la mia voce su Soundclud immagino. Mi dicono che fa paura 😆

      • ilnoire ha detto:

        ahaha no, vado subito

      • ilnoire ha detto:

        …sto cercandola, ma non la trovo, dove è?

      • amleta ha detto:

        Io ho due voci, ti avverto, una è normale e l’altra no:
        https://m.soundcloud.com/amleta

      • ilnoire ha detto:

        Non sapevo di questa tua vena artistica… e growl! La voce che preferisco è quella che usi in Chandelier

      • amleta ha detto:

        Non avevo dubbi ovviamente. Tutti preferiscono quella voce. A quanto pare è quella che ispira di più. 😐

      • ilnoire ha detto:

        se posso: perché scrivi?

      • amleta ha detto:

        Perchè è una condanna. Non è una scelta ma una maledetta condanna. Ho iniziato da piccolissima, sia con l’arte che con la scrittura. Un canale espressivo per una bambina che non poteva dire certe cose agli adulti. Certe cose brutte successe.

      • ilnoire ha detto:

        Di questo mi spiace. Cioè delle cose brutte.
        E’ una condanna che però porta a risultati.

      • amleta ha detto:

        Sì ma io non faccio le cose per i soldi, sappilo. Per esempio i miei libri li ho pubblicati tutti con piccole case editrici per aiutarle e ho nel contratto una percentuale proprio minima. Anche i quadri e i disegni li ho sempre regalati e non li ho voluti mai vendere, nemmeno quando avevo un “nome conosciuto”. E le mostre le facevo solo nelle piccole gallerie, per scelta. Non mi son mai voluta piegare al business e a chi voleva fare di me un “personaggio” e per questo ho abbandonato tutto. Io son stata molto aiutata dall’arte nella mia vita interiore per superare appunto certi eventi brutti. Quindi se io continuo a fare certe cose è per aiutare gli altri a poter superare anche loro certi eventi grazie all’arte mia 😊

      • ilnoire ha detto:

        …sei una persona che desta curiosità, davvero.
        Riguardo ciò che muove me, è il puro piacere, sento una specie di panna che monta dentro di me, ogni tanto trovo qualcosa o qualcuno che mi dà un’idea, che mi ispira, e io parto.
        Non lo faccio per soldi, perché non credo si possa fare (nel mio caso) dei soldi, lo faccio per il piacere che provo nello scrivere, e per il piacere di condividere.
        Ps.: scusa se ti rispondo con ritardi di ore se non giorni, il tempo è sempre poco per me, mi tocca ritagliarne qualche pezzettino per le mie passioni, ma è sempre difficile.

      • amleta ha detto:

        Quindi tu provi piacere quando scrivi. Io invece soffro le pene dell’inferno. È come se avessi dentro di me mille spilli conficcati e piu scrivo e piu affondano dentro di me. A volte in piena notte e a vokte all’alba, sempre col blocco a portata di mano e Zardonic nei timpani 😆

      • ilnoire ha detto:

        Musica di livello. Per me è il contrario, se non scrivo o non riesco a trovare il tempo, allora sì, soffro. Ma se scrivo no, tutto viaggia bene.

      • amleta ha detto:

        Eh io sono un soggetto “sui generis” 😆

      • ilnoire ha detto:

        Meglio, sennò sai che noia! 😉

      • ilnoire ha detto:

        Carissima, mi piacerebbe un tuo commento su un mio vecchio, ma non vecchissimo, racconto della serie dei “mortali”.
        Quando vorrai…

      • amleta ha detto:

        Mandami il link e lo leggerò 😉

      • amleta ha detto:

        Ho letto tutto. Non so dove sia ambientato il racconto, perchè non c’è nessun riferimento ad un luogo o nazione, ma in oriente in genere il kimono per le nozze è rosso e non bianco. Ho la moglie del mio migliore amico che è giapponese e mi ha spiegato lei stessa che usano il rosso come portafortuna. A parte questa precisazione ( anche se il sangue rosso su un kimono bianco fa più effetto visivo) il racconto non mi ha preso. Manca tutta la parte emotiva. Come si sentiva la signora in quel momento? Disperata? Sola? Depressa? E la sua cameriera? Tu hai descritto molto bene le scene ma hai tralasciato le emozioni. Bisognerebbe dargli più enfasi. Opinione personale ovviamente 😊

      • ilnoire ha detto:

        Mi fa piacere tu l’abbia letto, sono davvero contento, è un “brano” di un qualcosa di fantasy, forse fantascienza, non so ancora.
        Ti ringrazio per i commenti, mi sono utili.
        Il pregio\difetto per questo genere di racconti di 2 pagine è quello di essere brevi, ma non abbastanza descrittivi, sulle emozioni, ci stiamo lavorando.
        Grazie ancora, davvero.

      • ilnoire ha detto:

        Sì, è vero. E’ quella che solletica più l’orecchio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.