CI HANNO TOLTO LA TERRA DA SOTTO I PIEDI

camminando-a-piedi-nudi-sull-erba-in-un-rigenerante-parco-sensoriale.jpg

Ogni mattina vi alzate e mettete i piedi nelle vostre pantofole. Oppure a piedi nudi andate in vagno camminando sul parquet o sul pavimento di mattonelle.

Ogni giorno indossate scarpe fatte con vari materiali, naturali e non naturali. Incollate e chiodate o cucite.

Camminate su asfalto, altri pavimenti di negozi, tappeti, linoleum, cemento, mattonelle e altre mattonelle.

Avete camminato sull’erba o sulla nuda terra per un giorno intero? Avete notato la differenza?

La nostra postura, il nostro essere sono stati stadicati dalla terra e posti su materiali che non sono il suolo naturale adeguato al nostro corpo.

L’essere umano ha costruito abitazioni e suoli artificiali sui quali i nostri piedi camminano ogni giorno.

Siamo radicati alla terra? Che postura teniamo? Come camminiamo? Non abbiamo più nessun contatto con la viva terra.

Ci avete mai pensato a questo?

I bambini gattonano dentro appartamenti con pavimenti artificiali. E poi camminano dentro scuole con pavimenti di plastica o di terracotta o di materiali vari.

Quindi ogni giorno i nostri piedi stanno a contatto con materiali non naturali.

A volte abbiam sentito dire che molti mali dell’uomo moderno son dovuti a questo sradicamento dal suolo naturale.

Sradicamento che comprende varie cose. Prima di tutto questo mancato contatto con la nuda terra. E ogni giorno la pianta dei nostri piedi cosa riceve? Stress, urti, deformazioni date da scarpe belle ma scomode.

E tutto questo cosa comporta? Perdita di contatto col proprio sè naturale e problemi di postura ed equilibrio.

Immaginate se vi trovaste nudi in mezzo al bosco e potreste camminare e muovervi senza timore di esser vestiti bene o di avere tacchi alti o di dover piacere a qualcuno. Come vi sentireste?

( il video consiglia di camminare a piedi nudi. Ma il mio consiglio è di farlo sulla nuda terra, nel vostro giardino o in un parco, anche stando solo in piedi fermi e percepire il suolo naturale)

( Copyright del post di Amleta Bloom)

 

Annunci

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in CONSIGLI PER GLI UTENTI e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a CI HANNO TOLTO LA TERRA DA SOTTO I PIEDI

  1. Pingback: CI HANNO TOLTO LA TERRA DA SOTTO I PIEDI – L'arte di Sognare

  2. Pingback: CI HANNO TOLTO LA TERRA DA SOTTO I PIEDI — I tesori di Amleta – L'arte di Sognare

  3. Soul ha detto:

    … e non solo 😱

  4. Demonio ha detto:

    Mmm…sono poco convinto! Lasciando da parte i territori urbani dove non camminerei a piedi scalzi nemmeno se mi pagassero, e prendendo in considerazione boschi, campagna ecc ecc…dopo solo 10 minuti avremmo i piedi maciullati e ridotti ad un budino di sangue misto a terriccio e altri materiali con tagli, escoriazioni varie e traumi di ogni genere! Probabilmente dopo solo una giornata ci ritroveremmo nell’impossibilità di camminare forse rischiando anche la morte! Ciò non toglie che, in situazioni tranquille, come un prato o sulla battigia farlo sia estremamente piacevole. Poi certo, la qualità di certe calzature lascia a desiderare ma questo è un discorso di mercato e profitto che purtroppo tocca troppi aspetti della nostra vita e che andrebbe affrontato.

    • amleta ha detto:

      Nel mio post non ho mica detto di fare dei km a piedi nudi. Anche stare in piedi sulla terra o sull’erba, questo consiste nel grounding. Cioè risentire il contatto col vero suolo. Anni fa c’era la moda di camminare a piedi nudi a New York e in alcune grandi metropoli ma non è quello che io consiglio. Per avere un contatto con la terra basta un giorno mettersi a piedi nudi in giardino, restare fermi, sentire la consistenza della terra o l’umido dell’erba. Rimanere lì per n lasso di tempo. Senza cell addosso e cercando di abbandonarsi alla sensazione che arriva dai piedi.

  5. tachimio ha detto:

    Interessante davvero. Grazie. Isabella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.