LA TEMPESTA DI SABBIA

9b1bd8f8-6661-48eb-b127-dfc3e521120f.jpg

Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso.
Per evitarlo cambi l’andatura, e il vento cambia andatura, per seguirti meglio
Tu allora cambi di nuovo, e subito il vento cambia per adattarsi al tuo passo.
Questo si ripete infine volte come una danza sinistra col dio della morte prima dell’alba.
Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te
E’ qualcosa che hai dentro.
Quel vento sei tu.
Perciò l’unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento,
camminando dritto e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.
Attraversarlo, un passo dopo l’altro.
Non troverai nè sole né luna, nessuna direzione, e forse nemmeno il tempo.
Soltanto una sabbia bianca, finissima,
come fatta di ossa polverizzate che danza in alto nel cielo.
Devi immaginare questa tempesta di sabbia.
E naturalmente dovrai attraversarla, quella violenta tempesta di sabbia
E’ una tempesta metafisica e simbolica.
Ma per quanto metafisica e simbolica, lacera la carne come mille rasoi.
Molte persone verseranno il loro sangue, e anche tu forse verserai il tuo
Sangue caldo e rosso che ti macchierà le mani.
E’ il tuo sangue, e anche sangue di altri
Poi, quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu
come hai fatto ad attraversarla e uscirne vivo.
Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero.
Ma su un punto non c’è dubbio.
Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi è entrato.
Sì, questo è il significato di quella tempesta di sabbia.

 

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in shiva e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a LA TEMPESTA DI SABBIA

  1. The Butcher ha detto:

    Penso che il paragone che hai fatto sulla tempesta di sabbia e sulla vita sia molto azzeccato e sono riuscito a immedesimarsi nella poesia. Hai fatto un ottimo lavoro.

  2. wwayne ha detto:

    Conclusione molto bella. E sono d’accordo sul messaggio di fondo: accettare il proprio destino può essere doloroso, ma andare contro di esso è una decisione che porta a delle conseguenze ancora peggiori.

  3. Boh, il vento interiore, se è troppo forte, potrebbe rischiare di farci essere troppo poco in ascolto del cuore degli altri e non rispettosi che ogni essere vivente potrebbe avere il suo dramma unico ed irripetibile e potrebbe offendersi, se hai fatto una scelta, il vento gonfia le tue vele per viaggiare la tua scelta senza se e senza ma ma le scelte siamo chiamati a farle momento dopo momento, verso una parte, verso un’altra parte, verso molte direzioni e se di vento in vela andiamo avanti di fretta e furia, rischiamo di perderci l’ascolto di chi ci chiede aiuto e di sembrare e/o risultare troppo egoisti;
    della sabbia di cui poeticamente scrivi invece non ho idee adesso 🙂

    In realtà buona domenica 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.