LA NOIA DORATA

1200px-Il_giardiniere_(Vincent_Van_Gogh)

I miei nonni non hanno mai pronunciato la parola noia. Erano sempre attivi e allegri. Non avevano stress e non avevano che la fatica. Eppure son morti ultranovantenni. La noia è una costante nella vita moderna. A cosa è dovuta? Abbiamo confort di ogni tipo e case grandi e fatichiamo meno. Ma siamo tutti nel pozzo della noia.

( Copyright del post di Amleta Bloom)

( opera illustrata: ” il giardiniere” di Van Gogh)

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in CONSIGLI PER GLI UTENTI e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a LA NOIA DORATA

  1. Demonio ha detto:

    Nella vita moderna esistono due cose che prima non esistevano o se esistevano riguardavano uno sparuto numero di persone, di solito elitarie. Queste due cose riguardano entrambe il lavoro o la sua mancanza. Prima la maggior parte dei popoli lavorava da mattina a sera per sopravvivere e semplicemente la testa non aveva modo di divagare poiché non vi era tempo libero se non per nutrirsi e riposare. L’altro aspetto infatti riguarda la qualità del lavoro che per taluni mestieri si concretizza nel fare cose in tempi rapidi o che comunque lasciano più tempo libero a disposizione. In entrambi i casi, “l’eccesso” di tempo libero o la non capacità di poterlo impiegare causa stress e noia. Un tempo forse solo sovrani e clero avevano di sti problemi e giustamente per sconfiggere la noia di inventavano guerre e roghi…mentre oggi tutti hanno i social o peggio le macchine succhia soldi!

  2. Penso anch’io come “demonio” qui sopra.
    L’essere umano è istintivamente scansafatiche, cerca di non rompersi la schiena e non avere guai, ma poi non ha più niente di cui occuparsi e si annoia.
    In realtà si vorrebbe scansare gli impegni che non piacciono (i guai, il lavoro solo per la pagnotta, ecc) con la speranza che l’eliminazione di questi eventi negativi lasci tempo per quelli positivi, voluti.
    Invece le tribolazioni arrivano anche senza cercarle, mentre le cose belle sono solo sogni, illusioni che noi ricorriamo continuamente senza mai afferrarli.

    • amleta ha detto:

      Molta gente che arriva a fare lavori che adorano ( tipo nel mondo della musica o del cinema) e non son obbligati a preoccuparsi dei soldi, poi si annoiano perchè quando tutti i desideri son soddisfatti l’essere umano è preso da un nuovo tedio: trovare nuovi stimoli. Dunque va a fonire che li ricerca nelle droghe e la fine sappiamo qual’è.

      • Beata povertà, quindi 😀
        Seriamente, io penso che mi divertivo molto di più da ragazzo, quando ero sempre al verde, che adesso che ho una maggiore disponibilità.
        Perché i soldi portano a fare ,per esempio, le ferie in albergo… mentre i miei anni migliori sono stati in tenda.

      • amleta ha detto:

        È vero, dormire in tenda è fantastico. Nessun materasso è migliore dell’erbetta fresca e persino quando piove è bellissimo ascoltare la pioggia di notte mentre ti addormenti. Le vacanze più belle pure io le ho fatte in tenda 😊

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.