ESMERAL

2019-08-15-10_50_56-EN-MI-PROPIO-CAMINO_-Elevar-la-vibracion-energética-Opera

Di certe tristezze nessuno sa niente.
Di certe assenze.
Rabbie e discussioni mentali.
Sembra un teatro senza pubblico.
Il sipario sempre aperto.
Le battute sempre uguali.
Attori diversi ma stessa storia.
Di molte divergenze nessuno sa nulla.
Sparisce tutto come in una bolla.
Quella ragione che fa incontrare i peggiori pensieri di notte
E di giorno corrono lontano dal sole.
Certi dolori basta guardarli per sentirsi peggio.
Meglio lasciarli alle fragole dolci per farli crescere in mezzo alla frutta migliore.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

 

 

 

 

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in DISSOLUZIONI INTERIORI, shiva e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

29 risposte a ESMERAL

  1. Bella e molto veritiera, complimenti per aver saputo esprimere in poesia riflessioni e sensazioni che sono comuni ad ognuno di noi…

  2. …. e complimenti per la tua sensibilità

  3. maxilpoeta ha detto:

    spesso tutto svanisce, riflessioni su molti aspetti critici della vita, che sembrano lontani da noi, ma che alla fine c’interessano da vicino..
    Scritto riflessivo e profondo..

  4. armiere guns ha detto:

    Grazie se ti va iscriviti io lo faccio ora

  5. Sephiroth ha detto:

    La bellezza delle tue parole. Si avvicinano molto al mio stato d’animo.

    “Certi dolori basta guardarli per sentirsi peggio”.

    Già.

  6. Nessuno può intendere a volte rabbia e dolore di talune condizioni, tipiche di chi ha avuto il forte desiderio di capire l’infinito e purtroppo subisce la vendetta dell’infinito che io vorrei cautamente e con pazienza terapeutizzargli ma qui sembra che ognuno abbia scelto oppure gli abbiano imposto realtà e mondi divisi e/o comunicanti su comandi informatici, matrimoni selezionati al terminale informatico, omicìdi nascosti e tentativi di responsabilizzare l’innocenza infinita, lutti mal sopportabili come la rovina secolare di un soletto che era di cuor sincero e volontà infinita perché di natura si fa gli affari suoi e non si interessa quasi mai dei miei che pur manca ma solo a chi ha desiderato la sua morte, a chi soffre di stress qualche prelibatezza alimentare fa da calmante ma sono piccole cose, i dolori immensi non si terapeutizzano solo con qualche fragolina, mi sembra un comando, una richiesta, una presunzione di sapienza alquanto ingenua e consideriamo che per acquistare prelibatezze alimentari, dalla persona semplice, sano e naturale che sono, significa recarsi in negozio, chiedere all’inserviente con gentilezza umana, umanitaria, umanizzante, non litigarci, pagare in moneta valuta corrente il prezzo di mercato e così portare a casa al dolorante un dolcino ogni tanto (io ho poca moneta ed esco poco di casa) che, lo ribadisco, non basta ad affrontare condizioni così estreme, buongiorno, buon lavoro, auguro in realtá più Meritocrazia reali in tutti i casi scarseggiasse in pericolosità (tra cui me che però non sono un caso) Perché ci Crediamo attimo dopo giorno dopo anno! 💙 … 💖

  7. ili6 ha detto:

    …e spesso siamo bravissimi a nascondere tristezze e assenze. Non riusciamo però a nasconderli a noi stessi.
    Bei versi.
    Mariro’

  8. MARGHIAN ha detto:

    ciao Amleta- non potevo non apprezzare il tuo scritto, come non potevo non ricambiare il tuo saluto con un sorriso 🙂
    Ciao

  9. MARGHIAN ha detto:

    Nascondere le tristezze a noi stessi credo sia impossibile: se nascondo la mia tristezza a me stesso, smetto di essere triste. Come con un antidolorifico,fino a che dura l’effetto e se l’effetto è buono,, è come se non avessi il male causa del dolore. Non mi riferisco al nascondere le tristezze con antidepressivi (alla larga), ma a processi mentali naturali. Mi nascondo la tristezza, paff, non sono piu’ triste, fino a che mi riesce.
    Piuttosto, si puo’ (ma quasi sempre con estrema fatica) nascondere agli altri la propria tristezza. Canzoni come “the great pretender”, “il faut savoir”, la vecchisssima “il re dei pagliacci”, hanno questo tena: celare la tristezza agli altri, come anche la bellissima “making believe”, che trovi nel mio blog, post di qualche mese fa. Ciao

  10. MARGHIAN ha detto:

    Sempre bella:

    Mia madre aveva un grande dono: La sentivo rimuginare e piangere mentre stendeva i panni. Arrivava una comare, “assunta!”, e lei…si trasformava, attraversava il cortile andandole incontro con un sorriso..”. Diventava solare e loquace, persino allegra. .
    “Non voglio far pesare sugli altri il mio umore quando sono triste” diceva sempre.

  11. quarchedundepegi ha detto:

    Che bella!… bella davvero.
    Non leggo quasi mai le poesie… ne ho dovuto imparare troppe a memoria…
    BUONGIORNO.
    Quarc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.