IL GRANDE ASSASSINO

Voi preferite i posti caldi o quelli freddi? Come vi difendete dal caldo torrido? Come vi difendete dal freddo glaciale?
Vi sono paesi in cui tante persone vivono nel deserto con temperature molto elevate. Altri popoli che vivono in paesi in cui le temperature arrivato molto al di sotto dell zero.
Voi siete stati preparati al caldo torrido di quest’anno? Il Nord sembra ormai caldo come il Sud e il sud sembra deserto africano.
Noi popoli europei siam stati preparati per difenderci da temperature a cui non eravamo abituati? Stare col condizionatore sempre acceso o la stufa sempre accesa non credo sia una soluzione.
I popoli del deserto non usano condizionatori. I popoli dell’artico non hanno stufe.
Ma noi civilizzati non siamo stati abituati a questo stile di vita e quindi il caldo e il freddo fanno molti morti ogni anno. Possiamo leggere dei dati di cui mai nessuno parla:
“A livello mondiale, per ogni morte da caldo ce ne sono 17 da freddo. Questi numeri variano da Paese a Paese. Negli Stati Uniti, circa 9.000 persone sono morte nel 2015 a causa del caldo ma 191.000 decessi possono essere attribuiti al freddo. Per quanto riguarda l’Italia, le morti da caldo sono circa 10.000, contro 57.600 da freddo.”
Dunque gli esseri umani su questo pianeta hannonun nemico invisibile controbcui spesso non hanno una soluzione: il grande caldo o il grande freddo.
Le nostre città sono costruite in modo da produrre più calore d’estate e più freddo d’inverno. Non tutti hanno case coibentate. Non tutti possono permettersi condizionatori. Dunque tanta civiltà e tecnologia a cosa serve se continuano a esserci dei morti per colpa del clima.

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in CONSIGLI PER GLI UTENTI e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a IL GRANDE ASSASSINO

  1. eleonorabergonti ha detto:

    Io amo i posti con un clima temperato: nè troppo caldo, nè troppo freddo, poiché li patisco abbastanza entrambi. Non ho il condizionatore perciò d’estate mi doto di ventilatore ed uso quello (il giusto, ovviamente) mentre d’inverno (anche qui il giusto) accendo i caloriferi. Poi cerco d’isolRe termicamente le finestre con i paraspifferi d’inverno in modo che non entri troppo il freddo mentre d’estate, quando il sole batte forte, cerco di tenere le tapparelle un po’ abbassate, in modo da lasciar passare l’aria ma non il calore. 🙂

  2. Ho dovuto cedere al climatizzatore causa clima estivo per me insopportabile, sto male fisicamente. Cercando di adattarmi, preferisco comunque il freddo.

  3. romolo giacani ha detto:

    Ormai, almeno a Roma, il freddo è un ricordo. 4 o 5 giorni tra fine gennaio ed inizio febbraio o poco più. Il caldo invece è sempre peggio e temo che la cosa continuerà negli anni a venire.

  4. Laura Filippi ha detto:

    Abito ai piedi delle montagne, per cui nei mesi più freddi la normalità è scendere anche di 10 gradi sotto lo 0. Sarà perché sono più abituata, seppur con tutte le comodità del caso, ma preferisco il freddo al caldo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.