SCHOOL STOP

In questi giorni stiamo assistendo a una riforma della scuola quasi magica. Dico magica perchè sembra provenire dalla fata turchina in persona. Azzolina senza capelli blu però. Banchi buttati perchè non sono a norma del covid. Devono essere monoposto i nuovi banchi. E per quale motivo? Negli autobus non hanno messo sedili monoposto. Nei cinema neanche. Le panchine non sono monoposto. Gli stadi non hanno scollato i sedili per creare file di monoposto. Perchè tutto questo casino per cambiare dei banchi? Forse si poteva chiamare qualcuno per ricavare due banchi monoposto tagliandone uno da due? No signori. Meglio spendere soldi, che la scuola dice di non avere, pur di mettere in sicurezza gli studenti. E gli studenti sono in sicurezza coi banchi monoposto? No, niente affatto. Infatti son di questi giorni i primi caso di studenti infettati. Allora la mia domanda è: questa fata Azzolina ha forse parenti che costruiscono banchi monoposto oppure nella sua testa il virus sta lontano dalle aule rinnovate? Era necessario e vitale cambiare i banchi oppure rivedere le reali priorità della scuola italiana? Voi genitori con figli studenti siete sereni con questo provvedimento? Vi hanno chiesto mai se eravate d’accordo?

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in DISSOLUZIONI INTERIORI. Contrassegna il permalink.

12 risposte a SCHOOL STOP

  1. coulelavie ha detto:

    Completamente d’accordo. Lo dicevo anche io qualche tempo fa…

    • amleta ha detto:

      A me sembra assurdo che nel 2020 ci siano scuole pericolanti e pericolose e si pensi a spendere milioni per i banchi monoposto. Qualunque falegname o artista del fai da te sarebbe capace di ricavare due banchi da uno. Ma invece di chiedere l’aiuto di volontari si ordinano milioni di banchi un paio di settimane prima dell’apertura? Ma chi l’ha fatra ministra a questa? È davvero scioccante che non conosca la cultura del riciclo. 😞

  2. laura ha detto:

    mio padre è un docente ed è inorridito da tutto questo.
    le reali priorità non sono state considerate, ma si è parlato del nulla. staremo a vedere, di certo a natale non ci si arriverà.

  3. Ehipenny ha detto:

    Da ex studentessa ora (per fortuna) universitaria, mi sembra una follia… miliardi spesi per banchi monoposto quando sarebbe bastato separare i banchi che c’erano già, tanto mica erano incollati. Avremo bellissimi banchi nuovi, non ho ancora capito se dotati di ruote o meno, e intanto gli edifici cadono a pezzi, le aule sono grandi quanto sgabuzzini e nei bagni continuerà a mancare la carta igienica…

  4. Massy ha detto:

    Una riforma, della riforma…della riforma. Il Paese delle riforme e dei costi.

  5. Stefano Pierini ha detto:

    Da noi né i banchi né i docenti ( mancano 4 di italiano!!) Poi il caos ma si doveva iniziare il 14! Io Vo o non vo🤦

    • amleta ha detto:

      Si poteva benissimo posticipare, vista la grave situazione, al 24 magari, come in alcune regioni. Ma no dovevamo vedere gli ennesimi disastri di una ministra scervellata 😐

  6. DaliAqui ha detto:

    In altre parti del mondo è bastato spostare una sedia per renderli “ a norma” in altre parti del mondo metterli con una disposizione a scacchi.
    I soldi non ci sono… dipende per cosa. Ultimamente mi sembra chiaro che la risposta dipende da chi chiede e dove vanno a finire.
    Buona giornata, complimenti per il blog

  7. marisasalabelle ha detto:

    Quello dei banchi è chiaramente un diversivo (vi diamo i banchi nuovi, così siete al sicuro) ma la cosa assurda è che tante scuole, a quanto sembra, si siano sbarazzate dei banchi che usavano fino all’anno scorso prima di averne di nuovi. La paranoia elevata a sistema!

  8. Nella mia scuola ci sono i vecchi banchi monoposto, hanno solo fatto le classi con meno alunni

Rispondi a Massy Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.