COME FARE UN VERO TE’ INGLESE

Ho vissuto a Londra e ho avuto contatti con persone inglesi ( di origne inglese) di una certa età che mi hanno spiegato il modo giusto in cui facevano il tè. Non si usano mai bustine ma solo tè essiccato in foglie. Bisogna prima riscaldare la teiera con dell’acqua calda, che dev’esser lasciata dentro la teiera per 6-7 minuti( non sciaquata e pulita mai). Poi dopo si toglie l’acqua calda dalla teiera e si mettono circa 3-4 cucchiaini di tè in foglie essiccate, si copre col coperchio e si aspettano 5 minuti che tutta la teiera accolga l’aroma del tè. Solo dopo si può versare l’acqua calda e aspettare altri 5 minuti. Poi si mette il colino appeso al beccuccio della teiera, o sulle tazze, e si versa il tè così com’è. Non si pulisce mai la teiera, è assolutamente vietato toccarla e più passano gli anni e più il tè fatto nella stessa teiera diventa buono. Nello stile inglese non si unisce mai fettine di limone ma solo del latte. E si beve con sandwich al cetriolo oppure con dolcetti inglesi tipici.

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom e sono una artista poliedrica con molte sfaccettature e anche lati oscuri. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista e una buona osservatrice del mondo in cui vivo. Ho vissuto e studiato Performing Arts a Londra dove ho potuto sperimentare diverse forme artistiche e partecipare a esperimenti di arteterapia, danzaterapia e affabulazione. Dopo la mia carriera artistica londinese mi sono trasferita in Italia per problemi di salute in famiglia. Ma non ho mai abbandonato la mia anima creativa. Esprimo le mie emozioni attraverso la scrittura. Ho quattro editori e dieci libri pubblicati in formato cartaceo, in formato ebook e in audiolibro. Ho una personalità molto estrosa e sono impegnata in vari progetti che ambiscono ad aiutare le persone in difficoltà e specialmente i bambini e le persone autistiche. Pratico diversi sport e mi piace conoscere gente e stare in buona compagnia. Amo gli animali, la natura, il mare, le montagne, le barche, gli aerei, le navi e la psicanalisi. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in CONSIGLI PER GLI UTENTI e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a COME FARE UN VERO TE’ INGLESE

  1. maxilpoeta ha detto:

    curioso questo modo di fare il the, magari sarà anche più buono.. 😉

  2. eleonorabergonti ha detto:

    Che buono il tè, 😋. D’estate lo bevo principalmente freddo, ma adesso che inizia la stagione fredda vado di tè caldo quasi ogni mattina e pomeriggio. Io, per far più veloce, ammetto di usare le bustine e lo accompagno o con dei biscotti o con una fetta di torta. 🙂

  3. Lorenzo Cortesi ha detto:

    Concordo con le tecniche per la preparazione del tè alla maniera inglese. Mi permetto di precisare che l’acqua calda, versata nella teiera, deve essere fatta riscaldare; cioè si deve prendere sempre acqua fresca dal rubinetto (non scaldare mai acqua tiepida o già calda). Così mi ha insegnato un anziano signore inglese durante il mio soggiorno a Liverpool nel lontano 1981.

  4. DaliAqui ha detto:

    e’ incredibile quanta ritualità nei vari popoli racchiudono il caffe e il tea. Grazie per la condivisione 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.