OXY-GENE X

Ieri sera ero seduta sulle stelle e guardavo le onde del sapere. Non c’era alcuno spettro dentro la città delle nuvole eppure vedevo sottili linee argentee nel buio. La mia tribú in quel momento era fuori a giocare. La vita corre via e scappa. Lascia segni dentro glii occhi spenti. Ogni passo, scivolato per strada, stanco. L’amore ubriaco senza un nome. Un fatale infinito che incrocia traverse diverse. L’immagine dell’altro esiste nella solitudine del solo. Viene fuori una macchina. Una sbandata. Una fine di corsa. Un finale di vita. Potevamo essere noi seduti sull’ultima ora di respiro. Qualcuno si arrampica su di me. La scaletta è di cristallo. I fiori recisi messi in ghirlanda. Hai vomitato abissi di dolore rimasti mischiati ai passati amori. Dimentichi la cipria e le scarpe. Hai 20 anni e solo le piume ricoprono il tuo viso. A volte una giungla di labbra, parlanti nel bosco notturno dei tuoi sogni, mi fa sognare di più. Noi siamo fiori di fuoco, caduti dallo stelo, persi nel fango e risorti dentro altri fiori.

(English Version)

Yesterday I was sitting on the stars and watching the waves of knowledge. There was no ghost inside the city of clouds and yet I saw thin silver lines in the dark. My tribe was out playing at what moment. Life runs away and runs away. Leave marks inside dull eyes. Every step, slipped down the street, tired. Drunk love without a name. A fatal infinite that crosses different. The image of the other exists in the solitude of the alone. A car comes out. A crush. An end of race. A final of life. It could have been us sitting on the last hour of breath. Someone climbs on me. The ladder is made of cristalo. The cut flowers placed in a wreath. You have thrown up abysses of pain left mixed with past loves. Forget your shoes powder. You're 20, only feathers cover your face. Sometimes a jungle of lips, you break into the night wood of your dreams, makes me dream more. We are flowers of fire, fallen from the stem, lost in the mud and resurrected inside other flowers.

Informazioni su amleta

Mi chiamo Amleta Bloom, sono un'arteterapeuta che aiuta i bambini difficili e gli adulti "bloccati". Sono stata una artista per molti anni della mia vita, ho studiato Performing Arts e Fine Arts nell'UNIVERSITY COLLEGE OF LONDON. Poi mi sono dedicata alla psicologia per aiutare le persone grazie alla mia creatività. Negli ultimi anni mi sono accorta che bisogna fare qualcosa per il mondo in cui viviamo, perchè ci sono troppe cose che non vanno bene. Sono una persona molto solare, allegra, socievole ed affettuosa ma realista. Sono una buona osservatrice del mondo in cui vivo e spesso mi accorgo di cose che gli altri non notano. La battaglia che stiamo facendo per salvare il pianeta terra dobbiamo farla tutti e non solo alcuni. Ma mi accorgo che i mass media ormai hanno schiavizzato tutti e manca il senso critico in tanta gente. Credo nel valore dell’amicizia e dell’amore, della collaborazione e dell’aiuto reciproco a livello interpersonale e internazionale. Le mie passioni sono: il nuoto, la MTB, il trekking, il diving, il kite surfing, il sub diving, il tai chi, la meditazione, il ciclismo, l’arte, il giardinaggio, il teatro, il cinema, i viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in POESIE: DISSOLUZIONI INTERIORI. Contrassegna il permalink.

4 risposte a OXY-GENE X

  1. iotop ha detto:

    Bon jour,
    Je retiens de ce beau texte : ” … Un fatale infinito che incrocia traverse diverse…”
    Max-Louis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.